Project Description

Se la previsione iniziale era per il 2020, ora le cose sono cambiate. Stando a quanto dichiarato da Steven Mollenkopf – Amministratore delegato di Qualcomm, società americana di ricerca e sviluppo nel campo delle telecomunicazioni senza fili –, la rete 5G sarà disponibile già nel 2019.

Attualmente la nuova tecnologia è in fase di sperimentazione in moltissimi paesi del mondo, fra cui la Corea del Sud.

Saranno proprio le Olimpiadi Invernali del 2018 di Pyeongchang il banco di prova del 5G. Il governo coreano, infatti, ha investito 1,1 miliardi euro  allo scopo di migliorare la velocità della rete. Nell’impresa sono coinvolti anche grandi colossi come Samsung, LG, Sk Telecom e il Ministero della Scienza e della Tecnologia della Corea del Sud.

Come funziona il 5G

La rete 5G si appoggerà a un numero maggiore di celle e antenne veicolando in modo più veloce la trasmissione di dati. L’infrastruttura sarà disposta in modo tale da rendere più efficiente la reperibilità del segnale facendolo rimbalzare senza ricorrere alla fibra ottica. La connettività di quinta generazione sfrutterà quindi un protocollo molto simile a MIMO (Multiple Input Multiple Output) già in uso nei modem router più moderni.

Cosa dobbiamo aspettarci dal 5G

Il 5G non è solo l’evoluzione diretta del 4G ma una vera e propria frontiera tecnologica che apre al mondo una quantità infinita di possibilità.

Con il 5G ci sarà una rivoluzione delle infrastrutture dedicate alle telecomunicazioni che renderà più veloci gli smartphone e gli altri dispositivi mobili, cambierà completamente le abitudini in mobilità,  i flussi di lavoro, il cloud computing, l’Internet of Things e i comportamenti sui social network.

A proposito di social network, fra i grandi promotori del 5G c’è proprio Mark Zuckerberg che vede nella nuova rete mobile la possibilità di rendere più ricca l’esperienza dell’utente grazie a una latenza di appena 3ms. Con questa affermazione fa riferimento più che altro al mondo del Gaming e al progetto Facebook Spaces: un nuovo social network che consente di incontrare i propri amici di Facebook in ambienti virtuali (la versione beta dell’app è già disponibile su Oculus Rift)

La connettività 5G sarà poi fondamentale per tutti i servizi di trasmissione e comunicazione in caso di disastri naturali, oltre che per le automobili a guida autonomaself-driving car – che vedranno potenziate le proprie prestazioni.

Insomma, la rete mobile di quinta generazione rivoluzionerà ulteriormente la nostra vita, specialmente quella in mobilità.

Perché è necessario passare al 5G

La rete 4G è tuttora in fase di forte crescita, quindi perché il passaggio al 5G è una tappa obbligata?

Per la crescita esponenziale del traffico dati e l’esigenza di avere una banda sempre più veloce.

Basti pensare che ad oggi le persone iscritte ai servizi mobili sono 5,2 miliardi con un ammontare di 7,5 miliardi di euro di sottoscrizioni (alcuni utenti hanno più di una sim attiva). Da questi dati è facile intuire perché serva passare a connessioni super veloci, a maggior ragione se si pensa che in questi dati non sono stati presi in considerazione tablet, pc e l’internet delle cose.

5G in Italia

Il nostro Bel Paese è diventato uno dei primi al mondo a sperimentare la tecnologia 5G.

Fastweb, ad esempio, sta lavorando per valorizzare le frequenze 3.5 GHz per la rete mobile di quinta generazione. La prima fase di test, con il team di Huawei, ha sfruttato la tecnologia massive MIMO che consente di trasmettere temporaneamente flussi di dati a più utenti appoggiandosi al numero elevato di antenne, ognuna collegata a una stazione radio base. Questa tecnologia, unitamente all’infrastruttura cellulare basata su small cells, consentirà di realizzare una rete mobile 5G sfruttando nuove frequenze ad oggi ancora inutilizzate.

La seconda fase di sperimentazione prevederà la fruizione di applicazioni video, come realtà virtuale, realtà aumentata, videoconferenze, visione in 4K e applicazioni Iot per l’Industria.

Anche città come Milano, Bari, Matera, Prato e L’Aquila stanno mettendo a punto l’attuale infrastruttura di telecomunicazione per l’approdo del 5G e entro il 2018 il governo presenterà la roadmap per liberare le frequenze e farà l’asta per i 3.5 GHZ.

Quindi, con l’approdo del 5G ci saranno importanti novità ma per acquistare smartphone 5G  bisognerà e aspettare ancora qualche anno, anche se i grandi colossi si stanno dando un gran da fare per velocizzare i tempi.