Project Description

Zuckerberg introduce la possibilità di monetizzare gli Instant Articles: gli utenti possono sottoscrivere un abbonamento per leggere gli articoli su Facebook. Entro la fine del 2017 verrà avviato un test che coinvolgerà una decina di testate in tutto il mondo: tra queste ce n’è anche una italiana, il Corriere della Sera.

Una community più informata grazie agli articoli istantanei

Gli Instant Articles, introdotti da Facebook nel 2015, permettono di leggere con una rapidità di caricamento di 10 volte maggiore, direttamente sulla App del social, articoli pubblicati da testate rilevanti e affidabili. In un’epoca che prevede una fruizione di contenuti sempre più da mobile, l’obiettivo è quello di raggiungere un livello di informazione più alto, cercando di diffondere il più possibile notizie vere. Allo stesso tempo, rappresenta un valido aiuto agli editori per accrescere il numero di abbonati e, conseguentemente, di guadagni.

Per alcuni siti, quelli a pagamento, l’utente potrà leggere un certo numero di articoli, oltre il quale dovrà sottoscrivere l’abbonamento. Per le testate che prevedono sia contenuti gratuiti che non, al lettore verrà proposto il pagamento solo di alcuni articoli.

Il 100% dei ricavi andrà direttamente agli editori, senza alcuna trattenuta da parte del social network. Tutte le transazioni, sia per i singoli Instant Articles sia per gli abbonamenti alle testate, avverranno direttamente sui portali ufficiali delle stesse.

Si avvia un’ottima opportunità di guadagno, quindi, per publisher e giornali digitali.