Project Description

La Second Hand Economy comincia ad avere un ruolo centrale nell’economia del Paese: secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA – per Subito.it – la compravendita dell’usato è cresciuta di 1 miliardo di euro nel 2016, anche grazie alla diffusione dei canali digitali.

L’idea di comprare oggetti usati e di liberarsi di quelli in soffitta non è certo un’abitudine propria della cultura italiana, a differenza della maggior parte dei Paesi europei. Tuttavia negli ultimi anni le abitudini di acquisto e vendita degli italiani stanno cambiando sensibilmente e sono sempre di più coloro che si avvicinano con crescente fiducia e interesse al mercato dell’usato, probabilmente anche grazie alla crescente facilità di concludere gli acquisti online.

Perché gli italiani acquistano prodotti usati

Le motivazioni che oggi spingono le persone ad acquistare e vendere prodotti di seconda mano online non sono più legate soltanto al risparmio: diminuiscono infatti le persone che si rivolgono al mercato del Second Hand per necessità e aumentano coloro che lo fanno per motivi etici ed ideologici, o per altre motivazioni:

  • togliersi qualche sfizio acquistando tanti oggetti, anche superflui, evitando spese eccessive
  • abitudine, tipica dei millenials – i soggetti più propensi ad acquistare e vendere online
  • passione per il vintage e ricerca di oggetti particolari
  • volontà di liberarsi del superfluo

Italiani e acquisti di seconda mano: qualche dato

Cresce il numero degli italiani propensi ad acquistare merce usata online: il 33% di chi non ha mai acquistato e venduto merce di seconda mano è propenso a farlo, in crescita del 5% rispetto al 2015. Tra chi lo fa già, il 53% degli acquirenti dichiara di aver comprato almeno una volta ogni 6 mesi (+10% rispetto al 2015), così come il 48% dei venditori. In calo coloro che non hanno mai acquistato usato perché preferiscono comprare oggetti nuovi (45%, dal 53% del 2015) e che non ha mai venduto perché troppo legato ai propri beni (5% , dal 10% del 2015).

Qual è il giro d’affari del mercato dell’usato in Italia?

Guardando solo all’online, il mercato dell’usato vale 7,1 miliardi di euro (+300 milioni rispetto al 2015) e i settori più floridi del Second Hand sono:

  • motori al primo posto, con 5 miliardi di euro
  • casa e persona, 984 milioni di euro
  • elettronica, 647 milioni di euro
  • sport & hobby, 465 milionidi euro

Il 15% della popolazione italiana acquista o vende online, attività che consente a ogni cittadino di guadagnare (o risparmiare) in media 900 euro all’anno.